Matera, i Sassi, le scrittrici, e quella genialata che è il WFF. Alessia Gazzola racconta


Alessia Gazzola

Alessia Gazzola

Non è la mia prima volta, bensì la seconda, e confesso che già da quei giorni di settembre del 2011 avevo sempre sognato un ritorno.

L’invito arriva in un momento in cui non ne accetto nessuno, ma il WFF non è cosa che si rifiuta, perché a Matera, in quei giorni di pura magia, qualunque scrittrice capisce perché lo è.

Nella mutevolezza delle luci di una città incantevole, nella sofferenza della vita nei sassi che si è trasformata in resilienza, respirando l’aria pungente che sorprende chi ormai è convinto di vivere in una perenne estate, Matera regala incontri, parole, affinità.

Fai parte di una comunità alla pari in cui tutti convergono verso una celebrazione della scrittura declinata al femminile e non ti senti mai una stramba narrastorie – sì, ogni tanto io mi sento così.

Come Annarita Briganti, anche io vorrei condividere i miei must, i cinque momenti speciali vissuti al WFF2014, in ordine puramente casuale.

1) La visita privata riservata a me e a Christine Whittohn della stanza di Alessandra Casella alle Monacelle, affacciata sulla gravina di Matera. Adesso so che ho un nuovo sogno: dovrò ritirarmi con me stessa proprio lì, in quella stessa stanza e scrivere un libro in un mese.

2) L’incontro con i lettori presso la Libreria dell’Arco con Gabriella Genisi e Nicky Persico. Lui moderatore di razza, carismatico eppure defilato e capace di lasciare emergere la voce (timida, timidissima) di due autrici subito sintoniche. Lei dolce, ironica, forte. E per la seconda volta nel giro di pochi giorni ascoltare il consiglio che i manoscritti vanno letti ad alta voce, è l’unico modo per sentire “le parole cantare”.

3) La visita dei sassi con Alessio Leardi. Scoprire la storia e le storie di Matera e vederla attraverso una lente nuova.

4) Essere citata durante una tavola rotonda internazionale su come scrivere un thriller e godersela in incognito.

5) Gli scambi con altre autrici. Parlare di sé, dei perché. Aneddoti speciali, promesse di rincontrarsi.

Alessia Gazzola, futura #readerguest del progetto lettura noprofit @Stoleggendo

Informazioni su Francesco Musolino

Francesco Musolino, giornalista siciliano, classe '81. Scrive di libri e cultura su diverse testate nazionali. Ha ideato il progetto lettura noprofit @Stoleggendo su Twitter.

Pubblicato il 2014/10/06, in @Stoleggendo con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: