Adriana Falsone #readerguest: dal tweet al palcoscenico del Teatro Al Massimo di Palermo.


CutPicture.com_2014-Oct-19_03_19_53Sabato sera ho presentato il progetto @Stoleggendo nel corso di “Next. La Repubblica degli innovatori”, un evento organizzato da Repubblica delle Idee. Un onore essere portavoce di un progetto – ideato da Francesco Musolino – ma diventato anche un po’ “mio”. L’uso delle virgolette è d’obbligo perché “noi” #readerguest siamo co-protagonisti di una macchina scenica messa in moto quasi per caso da un giornalista di Messina che ha pensato di condividere con i lettori la propria libreria. Un faccia a faccia informale tra Riccardo Luna, capitano degli innovatori e un gruppo di nexter palermitani, un palco colorato i cui protagonisti siamo stati “noi ragazzi favolosi”.

SCutPicture.com_2014-Oct-19_03_15_30orvolando sull’età – la mia ovviamente – le storie raccontate a Next dimostrano che volere è potere. “Un bambino, un insegnante, una penna, un foglio possono cambiare il mondo: education first” e con le parole di Malala, Nobel per la pace, ha preso il via la kermesse. C’è chi insegna attraverso You Tube, chi insegna ai bambini a programmare, chi porta la banda larga dove non c’è ancora. Storie di piccoli grandi successi. Di voglia di fare e mettersi in gioco.

La chiave di tutto è la curiosità unita all’abilità di innovarsi. Di andare avanti. Di apprendere nuove tecniche e nuove conoscenze. Alla base di tutto c’è la disponibilità a “spendersi” per gli altri. Per far del Bene, con la B volutamente maiuscola.

CutPicture.com_2014-Oct-20_06_04_03Tra gli incontri organizzati da Repubblica delle Idee, abbiamo seguito con attenzione il dibattito tra Elena Stancanelli, Giorgio Vasta ed Enrico Bellavia, e siamo contenti che il progetto “Piccoli maestri” sbarchi anche a Palermo grazie alla collaborazione con la casa editrice Sellerio.

Si è parlato di scelte ed etica nel corso della presentazione del libro di Franco Viviano “Io killer mancato” della casa editrice Chiarelettere: basta poco per armare la mano di un ragazzo e quell’attimo può cambiarti per sempre la vita. E trasformarti in un delinquente o gettare le basi per il tuo futuro.

Domenica, Ezio Mauro e la guest star Daniel Pennac hanno conquistato il pubblico che ha riempito il Teatro Massimo. Lo scrittore francese si è definito “un ex somaro” e sulla sua pelle ha provato cosa significa avere insegnanti e scuole di un certo tipo. Lui poteva essere uno di quei “bimbi perduti” per strada. Eppure è diventato papà della famiglia Malaussène e l’autore di “Diario di scuola”. Partendo dal presupposto che se insisti a chiamar “stupido” un bambino finirà con il crederti, il compito della scuola è insegnare il futuro e la speranza. Il divenire e l’avvenire.

E il compito dei libri, magari, è raccontare le esperienze di chi ce l’ha fatta.

Adriana Falsone. #readerguest del progetto lettura noprofit @Stoleggendo

Informazioni su Francesco Musolino

Francesco Musolino, giornalista siciliano, classe '81. Scrive di libri e cultura su diverse testate nazionali. Ha ideato il progetto lettura noprofit @Stoleggendo su Twitter.

Pubblicato il 2014/10/20, in @Stoleggendo con tag , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: