Pierre Lemaitre, premio Goncourt 2013: «il dramma della disoccupazione ci sottrae la nostra dignità»


Il futuro del mondo lavorativo sarà sempre più cinico e il management aziendale, trovandosi dinnanzi ad una forza lavoro proporzionalmente sempre più numerosa e disperata, potrebbe arrivare, un giorno non lontano, ad arrogarsi persino il diritto di vita o di morte, in cambio del miraggio di un impiego remunerato. Questa considerazione amarissima è uno dei concetti chiave del nuovo libro di Pierre Lemaitre, “Lavoro a mano armata”, edito da Fazi editore (pp. 449 euro 16,50 trad. it. Giacomo Cuva) e vincitore in patria del Prix Le Point du polar européen come miglior romanzo noir. Il romanziere transalpino, già apprezzato autore di “Alex” e “L’abito da sposo”, è un grande appassionato di Hitchcock e anche in questo libro riesce a portare in pagina una prosa spiazzante per durezza e una tensione assai reale (speriamo di ritrovarla anche nel film che ne verrà tratto, con Sandrine Bonnaire nel cast). Protagonista del romanzo è Alain Delaimbre, un manager cinquantasettenne, un quadro disoccupato. Disposto a tutto pur di non perdere del tutto la dignità, Alain si arrangia con lavoretti degradanti per guadagnare poche centinaia di euro, dando fondo ai risparmi per mantenere almeno le apparenze. Nonostante l’appoggio della moglie Nicole, la voce narrante di Alain, ci racconta una vera e propria odissea emotiva. Aver perso il proprio lavoro non lo priva soltanto della sicurezza ma del ruolo di capofamiglia, persino della propria virilità agli occhi della società, delle figlie stesse. E poi all’improvviso “si libera” una posizione di alto profilo che sembra ritagliata sulle sue qualifiche professionali e nonostante sia di gran lunga il più anziano dei candidati, viene ammesso alla selezione; ma tutto ciò nasconde un gioco di ruolo assai crudele ovvero la creazione di un finto commando per la messa in scena di finto rapimento, al fine di testare la fedeltà dei dirigenti dell’azienda. Ma quando il tranello esce allo scoperto Alain si troverà solo, senza alcun freno inibitore a far da rete di protezione…

 

lavoro armataIl suo libro, incredibile ma vero, parte da uno spunto di cronaca. Cos’è scattato nella sua mente?

Ne ho sentito parlare ad una trasmissione radio di informazione continua, e ho pensato «sicuramente ho capito male, non è possibile..». Quello che mi ha fatto pensare di non aver affatto sognato che una società avesse veramente preso i suoi funzionari in ostaggio per testare la loro reattività è il fatto che questo episodio di cronaca è sparito dalle trasmissioni in quella stessa giornata. E’ un segno che non può non essere significativo.

Tramite il rapporto con la moglie e le figlie, Lucy e Mathilde (con l’aggiunta del marito Gregory), lei cristallizza alla perfezione le diverse istanze della società legate al successo: da una parte c’è chi crede nell’etica dell’azione ma dall’altra…

Tutti hanno un’etica dell’azione, tutti. Un gangster ha un’etica, ed è quella del gangster. I professori, gli idraulici, i romanzieri, tutti…Il problema è sapere ciò che può succedere tra persone la cui etica è molto differente, se non opposta. E quindi Nicole, la moglie di Alain, è una donna di sinistra, crede nei valori della solidarietà, della morale e il problema della coppia – e quindi del libro – sopraggiunge quando le azioni del marito diventano inconciliabili non solamente con quello che lei pensa, ma anche con quello che lei è. Mi è parso interessante moltiplicare questo tipo di opposizioni/contrasti – tra Alain e suo genero, tra Nicole e Alain, tra le due sorelle ecc… – per essere insieme concreto e realista.

Charles, un senzatetto amico di Alain, ad un certo punto, afferma: “se vuoi uccidere un uomo, comincia a dargli tutto ciò che desidera di più”. E’ davvero così?

Oh sì, sono d’accordo con il mio personaggio. Quando i nostri desideri sono molto soddisfatti, diventano i nostri peggior nemici. Datemi il Premio Nobel per la letteratura: sarò un autore morto.

E’ nota la sua passione per i film di Hitchcock. A suo avviso, il maestro del thriller, quale fra i suoi libri avrebbe trasposto sul grande schermo?

Credo che avrebbe preferito il mio secondo romanzo, L’abito da sposo, perché parla della questione della follia e della manipolazione, che sono state la materia preferita da Hitchcock.

Pierre Lemaitre alla vittoria del Premio Goncourt 2013

Pierre Lemaitre alla vittoria del Premio Goncourt 2013

Lei ha già raccolto grandi apprezzamenti per l’uso della suspense, fra tensione e colpi di scena. Secondo lei ci sono delle regole da osservare per scrivere un buon thriller?

Sì, ci sono delle regole, ma non le conosce nessuno; la sola cosa che sappiamo è che un buon thriller deve spingere il lettore a identificarsi con un personaggio – positivamente o negativamente – al fine di condividere le proprie emozioni come se fosse DENTRO il libro. Ma sulla modalità di arrivarci a colpo sicuro, nessuno ha mai trovato la ricetta infallibile.

Come mai ha scelto una tripartizione per narrare il suo libro, alternando anche i punti di vista?

Sono spesso fedele alle storie divise in tre parti. Le concepisco spesso come dei testi teatrali in tre atti, credo sia una buona base. Per quanto riguarda la scelta del punto di vista, è più complicato e dipende dalle storie che voglio raccontare. A volte scrivo ogni capitolo secondo il punto di vista di un personaggio, altre volte utilizzo un narratore esterno, altre ancora cambio punto di vista all’interno di uno stesso capitolo. Mi sembra che l’abilità del romanziere – e la sua riuscita – sia molto legata alla sua capacità di scegliere l’angolo giusto in ogni momento dell’azione. La domanda è sempre la stessa: per essere efficace, dove piazzare l’obiettivo della macchina?

Il suo libro è sempre in bilico fra la minaccia di perdere la dignità e il bisogno di lavorare, non solo di guadagnare ma di essere un membro attivo della società. E’ stato arduo costruire questa tensione in pagina? Come si è documentato per costruire il personaggio di Alain?

Il dramma della disoccupazione ci priva dei mezzi per vivere, ma soprattutto ci sottrae la nostra dignità. Non siamo giudicati per quello che siamo ma per quello che «valiamo», produciamo, spendiamo, siamo degli esseri valutati da numeri. Il problema di Alain è insito in ciò su cui ha costruito la sua vita. Ha creduto nei valori del liberalismo, ma quando il liberalismo non ha più avuto bisogno di lui e l’ha rifiutato, non ha trovato in se stesso le risorse per pensare in maniera diversa. Per quanto riguarda la documentazione, non è stato necessario andare lontano: purtroppo bastava aprire il giornale tutti i giorni.

Come mai apre il libro con una epigrafe del Gattopardo? Sente che questi due periodi storici hanno delle tetre contiguità?

Per iniziare il libro volevo una citazione che non traducesse la condizione dello spirito del personaggio, ma quello dell’autore. Scrivendo questo romanzo, mi sono spesso sentito vicino a Fabrizio Salina: terribilmente «fin de siècle ». A volte mi sembrava che la mia morale non aveva più veramente spazio nel mondo in cui vivevo.

Monsieur Lemaitre, crede sia possibile che con l’aumentare della disoccupazione e della disperazione, gli addetti alle risorse umane saranno sempre più tentati di agire come Deus ex Machina, operando selezioni con criteri sempre più crudeli e spietati, proprio come in un folle reality?

Nelle società democratiche, il consenso dei governati è assolutamente indispensabile. E’ addirittura la condizione necessaria alla loro sopravvivenza. Il management, che è uno strumento un pò più performante degli altri, si inscrive totalmente in questa logica: mira a portare i funzionari a fare di loro stessi ciò che le élites hanno definito come auspicabile. Per questo utilizza il registro dell’autenticità (le relazioni cool, spontanee, la confidenza, la simpatia, la vicinanza, il darsi del tu, l’autostima..) e di un insieme di strumenti di una povertà e mediocrità che confondono. E nell’insieme non funziona così male. Questo porta naturalmente il management a delle rivendicazioni sempre più ambiziose anche se era lecito pensare che avesse già acquisito fin troppi diritti sulla nostra sorte economica (iperselezione all’entrata, ipervalutazione che porta all’uscita), sul nostro stato di salute psichico (il mobbing istituzionalizzato che porta i dipendenti al suicidio) e persino sulla nostra vita privata (le agenzie di detective sono sempre di più sollecitati dalle società per sorvegliare i dipendenti). A mio avviso, il fatto di cronaca a cui mi sono ispirato marca un ulteriore gradino: simbolicamente, ci informa che i management, da qui in avanti, rivendicheranno sui salariati un diritto di vita e di morte.

Ma resta un fatto simbolico?

Ne dubito: la presa in ostaggio certo era virtuale, ma la certezza che fosse legittimo organizzarla, era molto reale. Possiamo condannare le persone che hanno organizzato questo gesto ma temo che si confonda il messaggio con il messaggero. Condannare il manager è necessario. Ma temo, purtroppo, che ciò non basterà a dare un segnale abbastanza forte al management aziendale.

 Francesco Musolino®

Fonte: Linkiesta.it

Informazioni su Francesco Musolino

Francesco Musolino, giornalista siciliano, classe '81. Scrive di libri e cultura su diverse testate nazionali. Ha ideato il progetto lettura noprofit @Stoleggendo su Twitter.

Pubblicato il 2013/11/06, in Interviste con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: