Archivi Blog

Gianni Riotta: «Il web ci renderà liberi se saremo capaci d’esserlo»

riotta1 (1)Si fa un gran parlare di internet e new-media ma i nuovi linguaggi e le infinite possibilità concesse dalla rete globale, non significano automaticamente la conquista della libertà automatica e per tutti. Anzi, a ben vedere, sono proprio i regimi e i governi più autoritari a vantare le maggiori capacità di utilizzo dei nuovi linguaggi, depistando e controllando le fonti considerate scomode. Dal suo studio newyorkese, il noto giornalista Gianni Riotta, editorialista per Il Corriere della Sera e visiting professor presso la Princeton University – ha discusso con noi di giornalismo, new media e del suo nuovo libro “Il web ci rende liberi? – Politica e vita quotidiana nel mondo digitale” , edito da Einaudi (pp.160; Euro 18). A Marsala, dove è stato recentemente ospite del 3° festival del giornalismo di inchiesta, Riotta ha avuto modo anche di ripercorrere anche i luoghi della sua infanzia siciliana e svela: «mio nonno era un architetto che serviva nell’esercito e partecipò al coordinamento dei soccorsi dopo il catastrofico terremoto del 1908. Ci raccontò che le truppe sabaude e i terremotati non si capivano e per questo troppi civili vennero fucilati, considerati sciacalli. E invece erano soltanto in cerca dei loro pochi averi…».

Il presidente della Camera, Laura Boldrini, ha chiesto più attenzione al linguaggio di internet e sui social media. Sul web esiste un giusto confine fra la necessaria tutela della privacy e la libertà d’espressione?

«Il presidente della Camera, Laura Boldrini, pone un problema giusto. L’anonimato online, i ricatti e le violenze verbali sono temi che vanno affrontati ma non si possono risolvere con una legge che regoli il web. Semplicemente perché internet è un sistema globale e aperto, per cui una legge italiana potrebbe essere facilmente aggirabile spostando i server, ad esempio, a San Marino. Ovviamente bisogna perseguire a termini di legge chi compie reati online ma bisogna anche capire come funziona le rete».

L’anchorman Enrico Mentana, stanco del flusso di insulti giornalieri derivante da parte dei suoi followers, ha deciso di chiudere il suo account Twitter. Crede sia una scelta giusta?

«Sul Corriere della Sera aprii uno dei primi blog italiani, Pensieri e Parole, ma decisi di chiuderlo perché il web mi appariva pieno di populismo e intolleranza. Tuttavia compresi d’aver sbagliato. Da trent’anni Mentana è l’anchorman italiano più noto e con maggiore visibilità mediatica ma ciò si traduce anche, purtroppo, in una esposizione al linguaggio violento e incontrollato sul web».

Come possiamo venirne fuori?

«Purtroppo non c’è una soluzione semplice. Noi abbiamo un detto: Never feed the troll (nel gergo del web si definisce così una persona che interagisce con gli altri utenti tramite messaggi provocatori o irritanti nascondendosi nell’anonimato, ndr). Quando un troll ti insulta, o taci o replichi ma devi essere consapevole che il troll nasconde una frustrazione perché altrimenti quell’utente avrebbe un nome e un cognome e non si nasconderebbe dietro una falsa identità».

La blogger cubana, Yoani Sànchez, ha ribadito dalle nostre pagine l’importanza di un’educazione digitale per saper usare al meglio i social media. Che ne pensa?

«Senza i new media Yoani Sànchez sarebbe in galera e questo esile filo cui appendersi la differenzia dai grandi dissidenti d’un tempo, come Solženicyn, che non avevano simili mezzi per far sentire la propria voce. Naturalmente ciò non significa che il web ci renda liberi apriori, perché, ad esempio, i ribelli siriani e libici restano in galera e l’artista cinese Ai Weiwei, pur essendo noto a livello globale, rimane sempre sotto il controllo del governo».

Dunque riprendendo il tuo titolo, il web ci rende liberi?

«Dipende tutto da noi, da come lo usiamo. Il web ci renderà liberi se saremo capaci d’esserlo, altrimenti no».

Nel libro analizza il MoVimento 5 Stelle e la novità del linguaggio politico. Il concetto di democrazia orizzontale è possibile?

«Se penso alla democrazia orizzontale mi viene in mente il Permaflex. La democrazia dovrebbe essere tridimensionale ma credo che non ci sia movimento più verticale di quello dei 5 Stelle dove basta non fare ciò che dice Grillo per essere sbattuti fuori. Sono abbastanza grande per ricordare l’espulsione del gruppo de Il Manifesto dal PCI. Fu un errore fatale. Non perché il Manifesto avesse ragione ma se vi fosse stato un vero dibattito, il PCI si sarebbe aperto alla democrazia già nel 1969 piuttosto che nel 1989, quando finalmente cambiò anche nome. Mi piacerebbe che sorgesse un dibattito in seno al MoVimento 5Stelle e che qualcuno potesse contestare ciò che dice Grillo senza il timore di venire aggredito verbalmente ed espulso, per diretta volontà del capo. Però non mi stupisco perché il populismo funziona così: uno urla e tutti gli altri son pronti a dire “Jawohl”».

Francesco Musolino®

Fonte: La Gazzetta del Sud

Yoani Sànchez: «Il mio posto non è altrove ma in un’altra Cuba».

yoani-sanchez-2 (1)Proprio come Phileas Fogg, il personaggio creato dal visionario Julius Verne, anche la giornalista e blogger cubana Yoani Sànchez ha deciso di compiere il giro del mondo in ottanta giorni. Tuttavia se viaggiare testimonia da sempre curiosità e voglia di superare i confini, tanto mentali che geografici, per Yoani questa esperienza ha un sapore diverso, ben più profondo. Difatti il suo peregrinare, cominciato il 18 febbraio scorso con prima tappa a Sao Paulo do Brasil, è la testimonianza di una riconquistata libertà di fatto ovvero il venir meno della necessità di ottenere il permesso di uscita dal paese (“permiso de salida”) che le era stato vietato per ben venti volte dal regime cubano sotto la guida di Fidel Castro. Incarcerata due volte, soggetta a soprusi e violenze dalla polizia di regime, Yoani ha narrato sul suo seguitissimo blog – Generaciòn Y – e su Twitter, la vita di tutti i giorni a Cuba, più forte persino della disperazione che la coglieva dinanzi alle morti premature e apparentemente inspiegabili, di altri colleghi giornalisti, considerati liberi almeno quanto scomodi. Già nel 2008 il celebre magazine Time l’ha inserita fra le 100 persone più importanti, premiandone la giornaliera denuncia circa le violazioni dei diritti umani e le sue inchieste giornalistiche. Ma Yoani è ben lungi dall’essere un’icona da tutti osannata. Difatti in ogni tappa è stata oggetto di proteste da parte dei filocastristi e non ha fatto eccezione la sua presenza al Festival del Giornalismo di Perugia. La sua colpa, secondo gli agguerriti contestatori, sarebbe quella di essere “corrotta, al soldo dell’imperialismo americano”. Anche stavolta ha assistito con stoica pazienza, sorridendo dinanzi agli insulti che le rivolgevano e augurandosi che «una libera protesta, un giorno, si possa compiere anche a Cuba». Proprio in occasione delle tappe italiane del suo viaggio, ha rilasciato questa intervista con l’ausilio del suo traduttore ufficiale, Gordiano Lupi, autore del libro “Yoani Sànchez – In attesa della primavera” (Anordest edizioni), in cui trovano spazio una ricca biografia della blogger cubana e l’intervista integrale che realizzò con Barack Obama, già aperto ammiratore del suo lavoro.

Cosa rappresenta per lei questa primavera che evoca il titolo?

«“In attesa della primavera” è un libro curato da Gordiano Lupi che si sforza di raccontare gli ultimi sei anni di vita a Cuba. Non solo, attraverso la ricostruzione della mia esistenza, narra trentasette anni di realtà cubana, la disillusione rivoluzionaria, l’utopia imposta, le prime contestazioni, il desiderio di fuga, il doppio sistema monetario, la totale mancanza di libertà e gli atti di ripudio. La primavera cubana dovrebbe partire da una presa di coscienza delle nuove generazioni che la soluzione ai problemi di Cuba non è la fuga, ma restare e lottare per cambiare il sistema dall’interno ».

Ha dichiarato che “senza un’educazione digitale le nuove generazioni non saranno davvero libere” e intanto i regimi asiatici dimostrano di essere sempre più attenti al web e ai social network. La lotta per l’informazione libera sarà sempre più ardua?

«A Cuba, il fatto che internet possa essere libero è un’utopia. Noi siamo l’isola dei non connessi. Nessuno, a meno che non faccia parte dell’apparato governativo, possiede una connessione internet domestica. La rete è molto importante per la circolazione delle idee, soprattutto in un paese come Cuba dove ogni media giornalistico è nelle mani del governo.  Lottare perché internet sia libero equivale a lottare per la libertà».

I suoi tweet hanno squarciato un velo di ignoranza sul regime cubano ma la sua caparbia le è costata anche il carcere. Ha mai pensato di non farcela, di dover mollare?

«Ogni giorno mi alzo e cerco di vincere la paura, il timore di non farcela. Ogni giorno mi dico che devo continuare a lottare. Per mio figlio, per chi verrà dopo, perché quando sarò vecchia e porterò i miei nipoti a passeggio in un parco voglio avere risposte esaurienti da dare, invece di dire che non ho fatto niente per cambiare le cose. E poi non mi resta che agire per sentirmi protetta, la notorietà raggiunta è il mio ombrello protettivo nei confronti dei repressori».

Da sempre lei è contraria all’embargo americano contro Cuba. Ci spiega perché?

«Prima di tutto non ha raggiunto lo scopo ovvero far cadere il regime, piuttosto è servito solo a creare problemi di sussistenza per la popolazione. I gerarchi cubani, infatti, non risentono minimamente dell’embargo, mentre il povero abitante di Centro Havana soffre sulla sua pelle la penuria dei generi di prima necessità. Inoltre, l’embargo è da tempo la giustificazione migliore per il governo cubano per giustificare la mancanza di libertà e il disastro economico. Voglio che tutto questo finisca!»

Sorprende il fatto che i deputati della Izquierda Unida (coalizione politica spagnola di sinistra radicale e antieuropeista) abbiano rifiutato di incontrarla a Madrid. Ancora oggi il regime cubano è considerato un’entità utopica?

«Non c’è niente di sorprendente. Il governo cubano dispone di fiancheggiatori e sostenitori in tutto il mondo. Ha saputo costruire una rete importante per diffondere consenso e menzogne. L’utopia del sistema comunista egualitario viene propagandata con tutti i mezzi possibili e immaginabili. Qualcuno crede al mito in buona fede, altri meno… Inesistente, in realtà è l’idea di un capitalismo di Stato! »

Ha dichiarato che tornerà a casa per fondare un giornale libero ma se le chiedessero di impegnarsi politicamente in prima linea per una nuova Cuba?

«Il mio posto non è altrove ma in un’altra Cuba. Per questo tornerò. Fare politica non è il mio mestiere. Ci sono persone molto più adatte di me come Rosa Maria Payá ed Eliecer Avila. Il mio ruolo sarà sempre quello della giornalista. Il mio sogno è quello di fondare un giornale libero per controbattere le menzogne preconfezionate dalla propaganda».

Francesco Musolino®

Fonte: La Gazzetta del Sud